fbpx
L'amore è...

Libertà e disponibilità

Spesso le donne di oggi confondono questi due termini. Ma libertà non è sinonimo di disponibilità. Essere donne libere non vuol dire aver ‘conquistato’ tutte quelle cose che abbiamo sempre disprezzato nel maschio. Non avere una morale, una dignità, non significa essere libere. Significa solo aver cambiato ‘padrone’.

Vi sentite libere se vi concedete al primo che capita nella speranza che il lui di turno vi dedichi le sue attenzioni? Lui non lo farà. E voi vi sentirete più frustrate che mai. Perché siete schiave del suo giudizio. L’uomo è cacciatore. Vero. Ma è anche vero che si stanca presto. Se gli date ciò che vuole subito… non avrà mai rispetto di voi. Saprà che potrà avervi ogni volta che vuole. Dovrà pagare un piccolo pegno: le vostre lamentele. Ma è un pegno che ritiene di poter pagare… tanto sa che con voi si può allontanare quando vuole e, se diventate troppo assillanti, sa che voi non smetterete di cercarlo e quindi ha il ritorno garantito quando più gli fa comodo.

Donne. Svegliatevi! Cercate uomini che siano uomini davvero e, se non li trovate, state da sole. Questa è la condizione ideale per imparare a conoscere ciò che siete e ciò che volete diventare.

Ma non uscite con l’ansia di trovare un uomo perché senza un uomo vi sentite prive di un’identità! Non significa barricarsi in casa. Significa imparare a conoscere le proprie necessità, i propri bisogni e affidarli a voi stesse soltanto.

E se incontrate chi vi fa girar la testa… non riponete aspettative, non mettete i fiocchetti rosa a delle storie che sono fantastiche ma che… sono da vivere per quello che sono! Imparate questo dagli uomini… a considerare le cose per ciò che sono. Ma per fare questo cercate di essere il più possibile fedeli a voi stesse: se non siete capaci a divertirvi, se non siete capaci a gestire certe situazioni, non fatelo! Questo non vi rende emancipate! Vi rende schiave.

Non c’è scritto da nessuna parte che dovete concedervi per essere e sentirvi libere. Forse loro sono liberi quando si concedono a ogni donna che incontrano? Gli piace pensarlo. Peccato che se siete voi a farlo… non vi ritengano degne di rispetto.

E allora perché mai dovreste dare considerazione e importanza e rimettere il vostro giudizio nelle mani di coloro che non sono altro che uomini ‘ in saldo ‘ ?

11 commenti

  • Clay

    il ragionamento è corretto, ma potrebbe anche essere più leggero. Il sesso in fondo è un “gioco” che si potrebbe fare insieme senza necessariamente tirare in ballo tutte le motivazioni sociali. Darsi facilmente è sbagliato in ogni caso (come dici tu, annoia), ma giocare con l’uomo ad armi pari, può rivelarsi piacevole e divertente per entrambi 😉

    • principessaperungiorno

      Sì… concordo. Ma quante persone ne sono veramente capaci? 😉
      Come donna ti posso dire che anche gli uomini hanno molte difficoltà a gestire situazioni simili. A parole sono tutti dei maghi salvo poi verificare che trattasi pur sempre di esseri umani dotati di sentimenti (e non sto parlando di amore…) e quindi di un cuore…
      Sono capaci solo di far tanta scena con frasi insulse ma poi… cadono come delle pere se vedono una donna sicura di sè… 😉
      Facile fare i grandiosi con le sfigate…!

      • fiorettolo

        se già è vero che il bacio cambia il rapporto, il sesso alza l’asticella modificandolo radicalmente…fare i conti dopo è troppo differente, tutto un altro rapporto!
        ps. principessa… che astio!?! mai pensato ad un contrario? se tu sei così ‘locomotiva’ potresti aver bisogno di un ‘carrello del carbone’, così non fai più stragi nel ‘pereto’ 🙂

  • Clay

    hai ragione, principessa! Mi ricordo un conoscente che faceva sempre lo sbruffone e ci provava con tutte le infermiere finchè una non gli ha detto:”Ok, se vuoi una notte d’amore te la posso dare… però attento! Se vieni a letto con me, ti piacerà così tanto che poi non riuscirai più a stare con tua moglie!”. Al che lui se n’è andato con la coda tra le gambe! ahahah

  • cindy

    ho sentito piu’ di una volta amiche o conoscenti dire : quello li’ e’ proprio uno stronzo!ovviamente riferito al lui della situazione alla quale si erano “concesse” per una sera.il giorno dopo lui non si era piu’ fatto sentire e si era “guadagnato” il suddetto aggettivo…ho letto un libro ultimamente molto carino e ironico dove l’autore da’ una definizione di stronzo un po’ diversa da quella che siamo abituati a considerare e cioe’ parla di costoro (uomini o donne che siano) come persone con una forte autostima,indipendenti e autonome…

  • serendipity84

    chi non si ama, rischia di concedersi a chiunque. Chi si ama invece è libero/a davvero, forse stronzo/a, ma libero/a.

  • cindy

    ok…continuiamo…siccome nel mondo di “stronzi/e”(inteso nel senso positivo del termine)ce ne sono pochi tutti gli altri chi sono?”bambini”: persone con scarsa autostima (per la verita’ quasi nulla)che ,non amandosi,sperano di trovare la felicita’ nelle persone che incontrano di volta in volta…quindi non in se stessi ma negli altri,caricandoli di mille “responsabilita’” e aspettative ….c’e’ un’esempio molto carino nel libro dove si paragona l’amore all’acqua contenuta in un vaso (noi stessi),ebbene se di acqua ce n’e’ tanta allora puo’ uscire e puo’ essere data anche agli altri ma se il vaso e’ vuoto (quindi non c’e’ amore per noi stessi)allora non ci sara’ mai realmente possibile darne anche agli altri…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: