fbpx
Non solo s.m.s.

Simpatici ‘abbordaggi’ d’altri tempi…

Mi piace ricordare questi modi un po’ scanzonati, fatti magari con la speranza di un vero appuntamento ma con la sportività di chi sa accettare un rifiuto, col sorriso divertito e senza atteggiamenti  di arroganza. Sarà forse che non era ancora nato l’homo tecnologicus dell’era cellularis ? Su queste cose sorrido… e non riesco a ironizzare. Erano spontanee… e credo che anche voi ne potete ricordare di simili…

 – Supermercato. Parcheggio. Mentre esco dall’auto vedo un tipo fuori dal bar che si fuma una sigaretta. Mi guarda… faccio finta di non vederlo. Quando torno alla macchina con la spesa mi ritrovo un biglietto sul parabrezza “ Sei più bella e affascinante di Demi Moore “ (erano i tempi di quell’attrice… ) Mi guardo intorno. Il tipo di prima è ancora lì e mi sorride impacciato… arrossisco e me ne vado… 

 –  Discoteca. Sto uscendo ma i miei amici si sono attardati. Resto in piedi davanti al guardaroba mentre passano fiumane di persone e mi sistemo il cappotto. Passa anche un gran bel ragazzo. Scambio di sguardi. Lui esce ma due minuti dopo rientra, viene verso di me e mi mette un biglietto in mano dicendomi: “Aspetto la tua chiamata… “ Sorrido e poi… do il biglietto alla mia amica… ahahah… 

 – Appuntamento di lavoro. Parcheggio l’auto lungo il corso a ridosso dei portici. Mentre scendo passa un tipo, mi guarda, si ferma, si abbassa gli occhiali ed esclama: ‘ Wow! ‘ Mi volto a guardare dietro di me cosa ci fosse ma poi mi rendo conto che il wow! era per me. Quando torno trovo di nuovo un biglietto con una bellissima dedica e il numero di telefono. Tiro un sospiro di sollievo mentre scoppio a ridere: l’avevo scambiato per una multa! (non ho mai chiamato il tipo ma quel biglietto l’ho tenuto x tanto tempo…era un toccasana nei momenti di sconforto!) 

 – L’investigatore privato. Poliziotto svolge le sue indagini dopo incontro nell’officina di un meccanico e tramite numero di targa risale alla conducente dopo mille peripezie: l’auto era intestata alla sottoscritta ma la mia residenza era ancora dai miei. Decisamente bravo a destreggiarsi tra le grinfie di mia madre! Infatti ha fatto carriera… ! 

Parigi. 6 giorni ciclistica. Ero con la nazionale per gare-spettacolo (non di ciclismo) e una sera, al ritorno in albergo, il portiere mi consegna un mazzo di fiori con una cartolina allegata. C’era la foto di un bellissimo ragazzo tedesco con il suo palmares e dietro una dedica e l’invito per un aperitivo. Sorrido e mi avvio all’ascensore. Lui è lì che mi sta aspettando. Lo riconosco ma, decisamente imbarazzata, gli passo davanti, lo ringrazio, sorrido e… salgo in camera con la mia compagna di stanza. I fiori da lui vinti in gara hanno abbellito la nostra camera per una settimana! 

Capodanno. Due mie amiche ed io rientriamo il mattino nella casa di villeggiatura di una delle due. Un’auto con tre ragazzi si ferma e cerca di fare amicizia invano. Se ne vanno simpaticamente sconsolati urlando ‘ Siete meravigliose! ‘ Il mattino dopo abbiamo trovato sul lunotto lurido della mia auto una scritta “ Siete meravigliose: chiamateci. ‘ E il numero di telefono. Che abbiamo lasciato fosse cancellato solo dalla pioggia! Prima, però, l’abbiamo fotografato!

9 commenti

  • sandra

    potrei ritrovarmi in alcuni anche io, senza biglietto però….è innegabile, è bello essere corteggiate!

    • principessaperungiorno

      Sì… è bello, sarei bugiarda a dire che non lo è. Ma dopo un po’ diventa ripetitivo e prevedibile e allora non lo apprezzi più.
      Quando viaggiavo molto ed ero a contatto con ambienti molto diversi tra loro, anche il corteggiamento era variegato… e allora era sempre una sorpresa.
      Ma ora è ‘stancante ‘… ovvio… banale… nessuna trepidazione. Infatti mi sono data alla clausura! 🙂

  • fiorettolo

    @serendipity: (risPOST)
    per quento riguarda le frasi a ‘doppio taglio’ non intendevo queste, che invece mi trovano concorde, qui mi ci ritrovo un pò…
    mai avuto il coraggio per un tale ‘abbordaggio’…
    ma queste sono cose che esulano dal mondo ‘cellularis’…
    io tentavo una difese di quelle povere, semplici, banali frasi che i maschietti spediscono oggi via SMS…
    ma mi sto rendendo conto che se le intendiamo come ‘abbordanti’…non trovano troppe giustificazioni.
    L’unico contesto realmente giustificativo è l’uso delle stesse in tempi e modi appropriati, possono dunque essere spedite a chi le portrebbe vivere con lo stesso grado romanticismo adoperato nello scriverle, qualunque esso sia; dovrebbero cioè esserci due persone che stanno sulla stessa ‘lunghezza d’onda’.

    • principessaperungiorno

      Vero. Quello che credo, però, è che NON ci si possa permettere in alcun modo di inviare messaggi del tenore di cui stiamo parlando in questo blog, nei contesti citati in questo blog. Ergo… se non c’è ancora complicità… NON sarai sicuramente sulla mia lunghezza d’onda! E uscirà tutta la tua incapacità di saper capire le situazioni: BOCCIATO! Non sei nemmeno capace di corteggiarmi.
      Come fai a rivolgerti con frasi romantiche a una donna che conosci appena? Se davvero ci tieni a quella donna vai molto adagio perchè non vuoi sbagliare nulla… se non ci tieni speri che sia una donnetta in cerca di conferme… esattamente come te (‘te’ in senso lato, ovviamente…)

      • fiorettolo

        ma come principesse varie…la principessaperungiorno mi ha BOCCIATO… 🙁
        (così non virgolettato sembra rivolto al ‘piccolo e nero’ commentatore… 🙁 )
        noi…delle volte, haime, siamo così timidi e andiamo così adagio da non trovare neanche il coraggio di invitarle a prendere un caffè, le principesse; siamo così impacciati da trasformare un ‘corteggiamento’ in un ‘bisticcio di parole’, altro che principi azzurri, sembriam più scudieri in braghe di tela a cavallo dei ‘somari nostri termini’…comunque meglio di vichinghi, galli o barbari!
        “Sanzo non t’attardare, ancora tanta strada c’è da fare!” “Certo padron, arrivo padron…(ma quanto è lontano questo mulino a vento)”

    • fiorettolo

      sento già un affetto particolare nei confronti della principessaperungiorno, ma confermo l’ultimo commento del 22/01…passerei intere serate a chiacchierare e ‘scherzare'(non solo ridere, è più profondo!) con la mia principessaperungiorno, comprenderci e sorreggerci, ma sono serio nei rapporti professionali…a quattro mani!
      TVB (lo sai che non lo scrivo per farti arrabbiare) mamma sprint! FIORETTOLO 😐

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: